Accoglienza profughi - Comune di Collecchio

notizie - Comune di Collecchio

Accoglienza profughi

Data l'emergenza umanitaria causata dalla guerra e l'arrivo di profughi ucraini e di altre nazionalità in fuga dal conflitto, sono specificate le procedure necessarie per l’accoglienza sul territorio comunale di Collecchio.

Il Comune di Collecchio, anche insieme agli altri comuni dell'Unione Pedemontana, ha messo in campo una serie di iniziative mirate a sostenere l’accoglienza sul territorio.

Fin dai primi giorni dell’emergenza si è costituito un Comitato formato dai rappresentanti del Comune stesso, della Protezione civile locale, delle parrocchie e dalle associazioni di volontariato operative sul sociale, che man mano si stanno rendendo disponibili a gestire le necessità di chi arriva.

In proposito il Comitato comunale segnala che le due priorità restano la raccolta fondi già attivata (QUI i dettagli) e la messa a disposizione di alloggi da parte di chiunque ne abbia la possibilità, mentre NON sono attualmente previste raccolte di indumenti, generi alimentari o di altra natura che seguono i canali istituzionali nazionali.

 

AL COMUNE DI COLLECCHIO

 

Il soggetto ospitante deve far pervenire la ‘Dichiarazione di ospitalità’ (comunicazione ex Art.7 TUI, in allegato) al Comune di competenza, per essere ricevuta e restituita timbrata.

Per il Comune di Collecchio, la dichiarazione può essere consegnata di persona o inviata tramite mail a urp@comune.collecchio.pr.it

 

ALLA STAZIONE DEI CARABINIERI DI COLLECCHIO

 

In alternativa:

 

-  Con passaporto con primo timbro di ingresso apposto alla frontiera italiana, nessuna incombenza

-  Con passaporto con primo timbro di ingresso apposto in altro paese UE, presentarsi entro 8 giorni dall'arrivo, alla Stazione dei Carabinieri di Collecchio per effettuare la ‘Dichiarazione di presenza’ (modulo allegato, in doppia copia originale), per la quale è necessaria la seguente documentazione

  • Dichiarazione di ospitalità preventivamente timbrata dal Comune di Collecchio + copia documento ospitante + copia contratto di locazione registrato oppure dichiarazione di ospitalità dell’associazione ospitante;
  • Copia del passaporto biometrico
  • Timbro d'ingresso sul passaporto

 

AUSL DI PARMA

 

L’AUSL di Parma ha approntato il seguente indirizzo mail per recepire la notifica dei profughi ucraini che arrivano sul territorio aziendale, questo ai fini di poterli dotare di codice SPP, necessario per iscrizione alla anagrafe sanitarie e quindi presupposto per ottenere le prestazioni sanitarie ed anche il green pass.

I dati da comunicare alla mail emergenzaucraina@ausl.pr.it sono i seguenti (modulo allegato):

  • Nome e Cognome
  • Sesso
  • Data e Luogo di nascita
  • Nazionalità
  • Telefono personale
  • Mail (se presente)
  • Comune di domiciliazione
  • Telefono di eventuale persona ospitante
  • Se presente indirizzo della persona ospitante

 

DISPONIBILITÀ ALLOGGI 

 

Per segnalare la propria disponibilità ad offrire alloggio ai profughi sul territorio di Collecchio si deve inviare una mail a c.guerci@comune.collecchio.pr.it con indicati i dati del nucleo familiare che accoglie (composizione, nominativi e recapiti), una breve descrizione degli spazi proposti ed eventuale disponibilità ad offrire i pasti.

Ciac onlus provvederà a contattare i proprietari disponibili per tutti gli accordi necessari.

 

PER CONSULENZE - SPORTELLI IMMIGRAZIONE ASILO E CITTADINANZA di CIAC Onlus :
per appuntamento contattare il centralino al numero telefonico 0521 522080 attivo dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 17.30.

Pubblicato il 
Aggiornato il