La Strage di mafia del Rapido 904 - Comune di Collecchio

notizie - Comune di Collecchio

La Strage di mafia del Rapido 904

La Strage di mafia del Rapido 904

La necessità della memoria: per ricordare la strage sul treno rapido 904, tragedia che ha visto una giovane gaianese ed il suo fidanzato tra le vittime, l’Amministrazione comunale di Collecchio promuove un intenso momento di commemorazione in occasione del 37° anniversario.

 

- Anche quest’anno -  spiega la Sindaca Maristella Galli - vogliamo ricordare Susanna e Pierfrancesco, morti in una delle peggiori stragi di mafia che hanno insanguinato il nostro Paese. - 

- La coscienza ci impone una riflessione collettiva su un tema di fondamentale importanza, per continuare a promuovere la cultura della legalità, della giustizia e della libertà quali garanti per il futuro.-

 

Una storia ormai lontana, ma indelebile non solo nelle coscienze dei familiari delle vittime: era il 23 dicembre 1984 quando il rapido 904, proveniente da Napoli e diretto a Milano, viaggiava stracolmo di passeggeri diretti a casa per le feste di Natale, quando all’interno della galleria di San Benedetto Val di Sambro si compì un massacro di innocenti, con quindici morti e centinaia di feriti, tra i quali Susanna Cavalli e Pierfrancesco Leoni, i due giovani che riposano insieme al cimitero di Gaiano.

 

In ricordo di Susanna e Pierfrancesco, domenica 19 Dicembre sarà celebrata alle 10.30 la Santa Messa alla chiesa parrocchiale di Gaiano mentre, a seguire, si svolgerà la cerimonia di commemorazione con la deposizione del cuscino di fiori presso il cimitero frazionale.

 

Nel pomeriggio, gli studenti delle classi 3^A e 3^F della scuola secondaria di primo grado ‘Domenico Galaverna’ esporranno i loro elaborati dalle ore 16 al Centro Culturale ‘Villa Soragna’

L'ingresso libero è nel rispetto della normativa anti Covid vigente con super Green Pass e mascherina obbligatori.


Pubblicato il 
Aggiornato il