STOP Tampon Tax - Comune di Collecchio

notizie - Comune di Collecchio

STOP Tampon Tax

STOP Tampon Tax

Stop alla Tampon Tax: le tre farmacie presenti sul territorio di Collecchio, la comunale e la Donetti nel capoluogo e la San Giorgio ad Ozzano Taro, aderiscono all’iniziativa promossa in collaborazione con l’Amministrazione comunale di Collecchio a favore dell’abbassamento al 4% dell’IVA imposta sui prezzi degli assorbenti per il ciclo mestruale.

In linea con una diffusa campagna internazionale, anche Collecchio si muove affinché i prodotti per le mestruazioni siano inseriti tra i beni di prima necessità, dunque tassati al 4%, e non più assimilati ai beni di lusso a cui è imposta un’IVA del 22%.

 

 - Cogliendo l’invito della mozione presentata in sede di Consiglio comunale denominata “Stop Tampon Tax, il ciclo non è un lusso”, - spiega l’Assessore William Pietralunga - l’Amministrazione comunale si è attivata affinché le farmacie del territorio proponessero un’azione di riduzione dei prezzi sui prodotti sanitari ed igienici specifici del caso, al fine di migliorarne la disponibilità e l’educazione all’uso specialmente nei confronti delle donne che vivono in condizioni più svantaggiate -.

L’invito ha trovato immediata disponibilità da parte di tutte e tre le farmacie di Collecchio che ringrazio, - aggiunge Pietralunga - le quali hanno concordato sulla riduzione della vendita degli assorbenti di una cifra corrispondente alla tassa del 22%, che li assimila ai beni di lusso in un’ottica non più accettabile. -

 

- In Italia si stima che mensilmente circa 21 milioni di donne acquistino assorbenti - sottolinea la Sindaca Maristella Galli  - per un totale di circa 2.6 miliardi di prodotti venduti. -

- Calcolando il costo medio di 4 Euro a confezione, il totale annuo per  ciascuna donna è di circa 126 Euro dei quali 22,88 di Iva. -

 - Ma non è solo una questione economica, è soprattutto una questione di civiltà non secondaria: - aggiunge la Galli - il ciclo mestruale non è una scelta ma una funzione dell’organismo femminile alla quale necessitano beni igienici primari. -

 

L’iniziativa proseguirà simbolicamente per tre mesi a partire dal 26 di Aprile: esclusi dalla promozione i prodotti per l’incontinenza, quelli post parto e le coppette mestruali con IVA già ridotta al 5%.


 


Pubblicato il 
Aggiornato il